Nuovi affreschi di origine quattrocentesca sono apparsi nella Basilica di Sant’Antonio di Padova , una madonnna col bambino e quattro figure di santi, tra i quali  san Bartolomeo, riconoscibile per l’attributo iconografico del coltello, e i santi Cosma e Damiano, che vestono tuniche dal colletto rigido, copricapi in vaio, e reggono il vaso degli unguenti che identifica la loro professione di medica.

 L’autore, secondo Cristina Guarnieri , docente del dipartimento dei beni culturali dell’università di Padova, intervistata dal Mattino di Padova, sarebbe Stefano Benedetto da Ferrara. Il restauro di Valentina Piovan, finanziato dalla famiglia Tabacci, ha poi riportato alla luce la Madonna in trono con bambino, sopra i quattrro santi, che sarebbe opera del maestro di Roncajette. La pittura presenta una data incompleta che  che dimostrerebbe la sua realizzazione attorno al 1410.

Altri affreschi di grande importanza sarebbero celati nelle parti non ancora indagate, Nella sala del Capitolo due frammenti di una crocefissione giottesca. La zona in esame dovrebbe celare l’aureola della testa di Cristo.
 


“La Repubblica si batterà sempre in difesa della libertà di informazione, per i suoi lettori e per tutti coloro che hanno a cuore i principi della democrazia e della convivenza civile”

Carlo Verdelli
ABBONATI A REPUBBLICA


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml

Caffeshop