PESCARA – Spettacolare e combattuto posticipo dell’undicesima giornata del campionato di Serie B tra Pescara e Lecce tra gol, espulsioni ed emozioni all’Adriatico dove alle fine la spuntano i padroni di casa per 4-2 grazie a una doppietta di Del Sole. Il Pescara torna così al primo posto della classifica superando di un punto il Palermo. Da segnalare che prima dell’inizio del match ci sono stati momenti di tensione, quando dal settore ospite sono stati lanciati dei fumogeni nel settore distinti dove si trovavano i tifosi del Pescara. Nessun spettatore è stato colpito, poi gli steward hanno fatto allontanare le persone presenti nel settore.

PESCARA SUBITO AVANTI – La squadra di Bepi Pillon è assoluta padrona del campo nella prima frazione di gara e ha la forza di portarsi per ben due volte in vantaggio. La prima marcatura arriva dopo soli 3′ con un colpo di testa di Mancuso servito dalla destra da Memushaj. La supremazia dei pescaresi si concretizza di nuovo al 22′ quando Gravillon corregge col ginocchio ancora una volta un traversone di Memushaj.

IL LECCE PAREGGIA IN 10 – A fine primo tempo però il Lecce ha un moto di orgoglio e trova la forza di accorciare con Palombi, abile a sfruttare una mischia in area di rigore. Nella ripresa la squadra di Liverani resta in dieci uomini per il doppio giallo di Calderoni, ma sembra non risentire dell’inferiorità. Infatti al 22′ Tabanelli con un poderoso colpo di testa centra il pareggio sovrastando Campagnaro.

ALTRO ROSSO E DEL SOLE LA RISOLVE – La partita vive una fase di stallo fino alla mezz’ora quando il Lecce resta in nove uomini per l’espulsione di Meccariello (doppio giallo). Pillon, in virtù della doppia superiorità numerica, getta in campo Monachello e Del Sole, con quest’ultimo che sarà l’uomo partita. A un minuto dal termine infatti è proprio Del Sole a tirare fuori dal cilindro un super gol da fuori area che fa esplodere i circa novemila dello stadio Adriatico. Ormai il Lecce non c’è più e nel recupero c’è il tempo anche per la doppietta personale di Del Sole con un contropiede fulmineo che chiude definitivamente l’incontro.

Pescara-Lecce 4-2 (2-1)
Pescara (4-3-3): Fiorillo; Balzano, Gravillon, Campagnaro, Del Grosso; Memushaj, Brugman, Machin (32’st Monachello); Marras (39’st Del Sole), Mansuso, Antonucci (27’st Crecco). In panchina: Kastrati, Scognamiglio, Elizalde, Cocco, Palazzi, Perrotta, Melegoni, Kanoute’, Ciofani. Allenatore: Pillon
Lecce (4-3-1-2): Vigorito; Venuti, Fiamozzi, Meccariello, Calderoni; Tabanelli, Petriccione, Scavone (13’st Marino); Mancosu; La Mantia (28’st Falco), Palombi (33’st Cosenza). In panchina: Bleve, Di Matteo, Arrigoni, Lepore, Torromino, Haye, Dubickas, Tsonev, Armellino. Allenatore: Liverani

Arbitro: Di Paolo di Avezzano
Reti: 3’pt Mancuso, 22’pt Gravillon, 47’pt Palombi, 22’st Tabanelli, 44’st e 51’st Del Sole
Espulsi all’8’st Calderoni e al 31’st Meccariello per somma di ammonizioni
Ammoniti Meccariello (L), Calderoni (L), Campagnaro (P), Machin (P), Balzano (P), Del Sole (P)
Recupero: 2’pt; 6’st.
Spettatori 8.782 di cui 579 ospiti per un incasso di 68.373

Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/sport/serie-b/rss2.0.xml