ROMA – Il Pescara strappa un buon punto (1-1) a Foggia in chiave playoff, il Livorno ottiene una vittoria (2-0) fondamentale in zona salvezza nello scontro diretto con il Cosenza: è il responso delle prime due gare domenicali del 23° turno di serie B. Alle 21 in campo Verona e Crotone. Chiuderà il programma, lunedì sera, sempre alle 21, Venezia-Lecce.

FOGGIA-PESCARA 1-1
Il Pescara rimonta il Foggia e consolida la propria posizione in zona playoff. Le due squadre si affrontano a viso aperto fin dalle prime battute e le occasioni fioccano. I rossoneri non riescono a centrare il bersaglio con Deli, Loiacono, Galano e Busellato, gli uomini di Pillon falliscono lo 0-1 con Monachello (2), Marras e Brugman. Il gol è nell’aria e alla fine lo realizzano i padroni di casa al 44′ con Deli che si accentra da sinistra e batte Fiorillo con un pregevole destro a giro. Il Foggia manca il raddoppio in avvio di ripresa per tre volte con Iemmello (2), che centra un palo, e con Busellato e alla fine si fa riprendere dal Pescara che, dopo aver mandato due avvisaglie a Leali con Memushaj e Brugman, raddrizza la situazione al 67′ con Mancuso che si guadagna (fallo di Billong) e trasforma un calcio di rigore. Il Foggia reagisce rabbiosamente andando vicino al 2-1 con Kragl poi, però, a poco a poco si spegne e rischia il ko sulle conclusioni di Crecco e Brugman.

LIVORNO-COSENZA 2-0
Il Livorno fa suo lo scontro diretto salvezza con il Cosenza e mette un piede in zona playout. Dopo un primo tempo equilibrato, con due occasioni per parte (Diamanti e Bogdan per i toscani, Dermaku e Tutino per gli ospiti), sono i padroni di casa a sbloccare il risultato in avvio di ripresa (49′): il gol lo realizza Giannetti con un tocco ravvicinato su cross di Diamanti. Lo stesso Diamanti sfiora subito dopo per due volte il raddoppio poi però viene fuori il Cosenza che in tre circostanze spaventa Mazzoni con Tutino. All’86’ l’attaccante rossoblu si fa espellere per un fallo di reazione ai danni di Bogdan e per il Cosenza sembra notte fonda. Invece proprio in 10 i calabresi vanno più vicini al pareggio: Bittante colpisce la traversa, Dermaku calcia addosso a Mazzoni il successivo tap-in. Il Livorno tira un sospiro di sollievo e in pieno recupero (92′) mette al sicuro la vittoria con il subentrato Salzano che trasforma un rigore concesso dall’arbitro Marini per un fallo di Capela su Dumitru.




SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/sport/serie-b/rss2.0.xml