ROMA – Di Mariano ferma la corsa del Brescia. Dopo 9 risultati utili consecutivi le Rondinelle di Corini cadono 2-1 al Penzo: la doppietta dell’ex attaccante del Novara regala un successo prezioso al Venezia di Zenga, che ora vede la zona playoff. Importante colpo esterno del Carpi in casa del Padova grazie all’ex Jelenic, pareggio a porte inviolate tra Livorno e Cittadella.

VENEZIA-BRESCIA 2-1
Oltre un’ora in inferiorità numerica non impedisce al Venezia di battere un Brescia in grande forma. Mentalità, solidità ed un Di Mariano in grande spolvero: ecco la ricetta di mister Zenga per rivoltare i destini arancioneroverdi. Dopo il vantaggio al 14′ con di Di Mariano che sfrutta una ripartenza e l’assist di Vrioni, al 23′ la possibile svolta: contrasto Falzerano-Tonali, l’arbitro giudica da rosso l’intervento del veneziano e locali in 10. Ma al 37′ su torre di Pinato è ancora Di Mariano a beffare la marmorea difesa bresciana e col doppio vantaggio i lagunari gestiscono la partita senza soffrire sino al 92′ quando l’unico guizzo di un Alfredo Donnarumma fino a quel momento spettatore non pagante, regala al Brescia la rete della bandiera e al Venezia e ai suoi tifosi qualche patema d’animo finale. Rondinelle sconfitte dopo 9 turni e ferme a 18 in classifica, i ragazzi di Zenga salgono a 15 e vedono la zona playoff.

PADOVA-CARPI 0-1
Una rete di Jelenic al 35′ del primo tempo regala la vittoria al Carpi sul campo del Padova. L’avvio è piuttosto combattuto con il Carpi pronto a rispondere ad ogni iniziativa del Padova. I biancoscudati producono due buone opportunità con Pulzetti e Bonazzoli, ma gli ospiti non disdegnano nelle ripartenze. Ne scaturisce un match frizzante e ben giocato. Capello, per i padroni di casa, si rende pericolosissimo con un colpo di testa che sfiora il palo, ma dall’altra parte Concas lo imita andando vicino al gol. Dai e dai finché il risultato si sblocca a favore del Carpi. Jelenic si presenta tutto solo davanti a Perisan e lo batte con un secco diagonale. Gol dell’ex. Rabbiosa reazione del Padova, ma è Piscitella ad avvicinarsi al raddoppio. Nella ripresa gli uomini di Foscarini le provano tutte gettandosi all’attacco ma lasciando ampi spazi agli ospiti in contropiede. Concas prende il palo su tiro da fuori e Ceccaroni lo sfiora dall’altra parte. La gara scivola via senza eccessivi sussulti. Il Padova rimane in dieci per l’espulsione di Capello e il Carpi può controllare senza problemi portandosi a casa i tre punti. Le due squadre sono ora in zona playout: Padova 11, Carpi 10.

LIVORNO-CITTADELLA 0-0
Finisce senza reti l’esordio allo stadio ‘Picchi’ con il Cittadella del nuovo tecnico del Livorno Roberto Breda, il quale raccoglie solo un punto nonostante la sua squadra sia apparsa oggi più ordinata e ben messa in campo. Un match che, peraltro, rimane macchiato da un errore clamorosa dell’arbitro Baroni che nega un rigore solare ai toscani. Nel primo tempo Livorno volitivo che sfiora il gol subito in apertura con un tiro dal limite di Valiani che al 5′ colpisce l’incrocio. Al 25′ la risposta del Cittadella arriva direttamente su punizione dal limite: calcia Benetti e la palla deviata dalla barriera finisce di poco al lato. La ripresa si apre con i toscani più incisivi: Raicevic al 1′ sparacchia a lato davanti al portiere veneto da buona posizione. Passano due minuti e al 3′ una clamorosa svista arbitrale penalizza la squadra di Breda: Paleari stende in piena area Murilo, è rigore netto, ma l’arbitro Baroni nonostante le proteste amaranto inspiegabilmente indica solo un calcio di punizione dal limite che non avrà esito. All’83’ il Cittadella resta in dieci: Finotto colpisce Gasbarro e viene espulso. Forcing finale per gli amaranto, ma il risultato non cambia. Diamanti e compagni sempre ultimi a 7, Cittadella terzo a 20.


Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/sport/serie-b/rss2.0.xml