PALERMO – Si affievoliscono di ora in ora le speranze del Palermo di partecipare al prossimo campionato di serie B. Il presidente della Figc Gabriele Gravina è stato chiaro: “La decisione che prenderemo sarà molto semplice, applicheremo le regole: non ci può essere deroga a nessun principio del rispetto delle regole. La commissione di vigilanza è al lavoro, ci sono delle criticità e queste criticità le valuterà il nostro organismo di controllo”. E anche il presidente della Lega di B Mauro Balata è pessimista: “Sul Palermo la parola passa alla Federcalcio e alla Covisoc: non vi nascondo che la preoccupazione è molto alta. Parliamo di una squadra che ha una tradizione sportiva e calcistica immensa, con una tifoseria appassionata e un legame incredibile tra la città, il territorio e la squadra di calcio. Purtroppo questa situazione non dipende da noi. Io ho cercato di far di tutto per portare avanti una politica di trasparenza e rispetto delle regole cercando di agevolare le proprietà sane, gli imprenditori virtuosi e appassionati, di cui il nostro calcio ha bisogno”.

La Evc: “Tuttolomondo ha pagato tardi e ha presentato la documentazione incompleta”

La società d’intermediazione assicurativa Evc che si doveva occupare di presentare la fideiussione ai fini dell’inscrizione al campionato ha spiegato, attraverso Alessandro Toscano, un suo portavoce cos’è accaduto. “Il ritardo è dovuto al fatto che lo stesso Palermo ha pagato noi con ritardo. Il signor Salvatore Tuttolomondo che si è attivato per la concessione della fideiussione e per l’iscrizione al campionato di serie B è venuto in Evc a Roma e ha contattato Camilleri giovedì 20. Tuttolomondo, dopo aver parlato con il signor Camilleri, rappresentante legale della Evc, ha deciso di prendere la fideiussione con noi. Quindi per velocizzare le tempistiche di erogazione gli abbiamo chiesto il pagamento del premio assicurativo e la documentazione necessaria da trasmettere all’assicurazione. Tuttolomondo ci ha fatto un bonifico di 45 mila euro da ‘remote banking’ alle 18.19 del giorno 20 e quindi processato venerdì mattina e accreditato alle casse Evc martedì 25 giugno. Ma i fondi sono stati contabilizzati ieri mattina sul conto della Evc. Inoltre la documentazione era incompleta e ci sono mail tra Tuttolomondo, Camilleri e il dottor Caforio, di richiesta completamento documenti che sono stati completati martedì pomeriggio alle 13. Tuttolomondo per deresponsabilizzarsi davanti all’opinione pubblica e alla Città di Palermo, ha fatto dichiarazioni gettando la responsabilità di questa mancata iscrizione alla Evc e al suo operato. Noi siamo a disposizione, documenti alla mano, per dimostrare la correttezza del nostro lavoro. Nel frattempo abbiamo deciso, per non compromettere la nostra serietà aziendale e contro il fango gettato sulla Evc, di interrompere ogni tipo di rapporto professionale nei confronti del Palermo e di restituire i fondi versati per il premio assicurativo”.

Albanese: “La situazione è grave, stasera sapremo tutto”

Che la situazione sia critica lo conferma anche il presidente rosanero Alessandro Albanese: “Sono consapevole che c’è un problema da risolvere. Ho una legittima preoccupazione. Questa attività è particolare, non ci si ricorda dei personaggi, ma che il Palermo non è in Serie A o in B. Per l’impatto che ha sui tifosi sono preoccupato. Entro 12 ore avremo delle risposte precise, in questo tempo prenderò le mie decisioni. Con la proprietà abbiamo discusso serenamente, ancora non possiamo dire se ha disatteso le promesse. Gli apporti di capitale finora ci sono stati. Sono stati fatti una serie di versamenti che il 24 sarebbero stati resi noti. Posso dire da amministratore che stiamo verificando i pagamenti che l’azionista dice di aver fatto. Se non li ha fatti vedremo le conseguenze. Dobbiamo aspettare di avere le carte, il budget va mandato tra domani e dopodomani. Stasera approveremo il nuovo budget, domani verranno i tecnici della Figc a verificare tutto. Fideiussione? Se c’e’ un problema di causa di forza maggiore inizieremo una guerra, altrimenti penseremo ad altro. Bisogna attendere le risultanze di stasera. C’è la consapevolezza che è una situazione seria e grave. Stasera avremo evidenza dei versamenti effettuati e capiremo cosa accadrà. Non mi sottraggo dal confronto con nessuno né con i tifosi né con la stampa, stasera o al massimo domani mattina renderò conto di ogni cosa. Salvatore Tuttolomondo ha confermato che entro questa sera ci darà evidenza di tutto. Alcuni giocatori non hanno ancora ricevuto il bonifico dello stipendio? Il bonifico che è stato effettuato il 24 ritengo che prima di domani non possa arrivare, tra l’altro sono anche banche diverse perché ogni calciatore si lega a istituti differenti. Voglio capire meglio la situazione, nel caso il Cda farà tutti i passaggi necessari da rimettere all’assemblea. Voglio ricordare che questa è un S.p.A. a tutti gli effetti, ci sono dei passaggi da fare e valuteremo attentamente senza voler rimandare. L’augurio è che stasera potremo iniziare una battaglia per un’altra vicenda che è quella legata alla fideiussione”.

Ipotesi Ferrero in caso di serie D

Se, come probabile, il Palermo dovesse ripartire dalla D potrebbero aprirsi nuovi scenari sul fronte societario. Sembra infatti che si sia interessato a rilevare il club il presidente della Samp Massimo Ferrero. E in tal senso sarebbero stati già avviati i primi contatti con il sindaco Leoluca Orlando, che dovrà valutare tutte le offerte per rilevare la società.

L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/sport/serie-b/rss2.0.xml