Hanno deciso di “violare” le regole della piazza e indossare la fascia tricolore. L’ha fatto l’assessore alle infrastrutture del Comune di Vicenza che rappresenta “l’intera maggioranza di centrodestra e i miei cittadini” e l’hanno fatto i sindaci di Levone, Rivara e Bollengo, nel Canavese.
“O siamo come sindaci o non ci siamo. Il 10 novembre ero qui come privato cittadino, oggi sono stato coinvolto come amministratore. Rappresento il comune e quindi indosso la fascia, poi sarà la mia comunità a dirmi se ho fatto bene o no, ma le mie opinioni sono note” sostiene Luigi Sergio Ricca promo cittadino di Levone e già assessore regionale e provinciale.
“La nstra città è solidale con il Piemonte e sosteniamo con forza questa iniziativa – spiega Claudio Cicero assessore infrastrutture di Vicenza – indosso la fascia perché mi hanno chiesto di farlo. La fascia è un simbolo: la nostra istituzione è dalla parte delle infrastrutture e della Tav. siamo qui per i nostri cittadini che sono a favore dell’alta velocità. Sono vent’anni che mi occupo di questa vicenda, sono uno dei padri dell’alta velocità, ma in questo tempo non ho visto alcun progetto realizzato”.
Tra i presenti anche il governatore del Piemonte Srgio Chiamparino: ” “Se Toninelli mantiene le proprie promesse e consegna la costi benefici entro gennaio il consiglio regionale ha tutto il tempo per indire il referendum, in base alla norma che anche in Piemonte prevede la consultazione popolare”. Così Il presidente del Piemonte Sergio Chiamparino prima della manifestazione di piazza Castello a Torino. “Ogni Regione può convocare una consultazione nel proprio territorio, ad altre regioni vorranno farla e convocarla nel giorno in cui la indirà il Piemonte sarebbe un bel segnale” spiega il presidente che ha già ottenuto l’appoggio, sull’ipotesi di referendum da Veneto e Lombardia, governate dalla Lega. “Non stiamo parlando di un mostro alieno che deve invadere la terra ma di un treno -ha detto – è surreale. Siamo in un romanzo di Kafka. Mi auguro che oggi ci sia tanta gente”. E sulla presenza della Lega in piazza il presidente ha ribadito “non è incoerente, c’era già l’altra volta. Ma è un’importante forza di governo e deve prendere una decisione”.

Tra i primi ad arrivare in piazza, Chiamparino è stato protagonista di un confronto con un cittadino che contestava la scelta di spendere soldi per l’alta velocità viste le condizioni delle linee ferroviarie locali. “

in riproduzione….

 


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml