Sicilia, il Cga respinge il ricorso degli ambientalisti: il radar americano è “salvo”


Sicilia, il Cga respinge il ricorso degli ambientalisti: il radar americano è "salvo"

Il consiglio di giustizia amministrativa respinge la richiesta di bloccare il Muos. Il ministero della Difesa si era schierato a favore del sistema satellitare Usa di Niscemi ma aveva fatto formalmente marcia indietro dopo la protesta dei 5 Stelle siciliani


Il Cga ha bocciato il ricorso degli ambientalisti per bloccare l’attività del Muos, il sistema satellitare americano di Niscemi. Con una sentenza pubblicata stamattina, il Consiglio di giustizia amministrativa definisce “infondata” la richiesta di revocare la decisione con cui lo stesso organismo aveva autorizzato l’installazione del mega-radar.

Il ricorso era stato presentato da diverse associazioni, fra le quali Wwf e Legambiente, il movimento No Muos e i Comuni di Modica e Gela.

in riproduzione….

La decisione era molto attesa, perché maturata in un clima di fibrillazione politica: una rappresentanza di esponenti siciliani di 5 Stelle, guidata dal deputato regionale Giampiero Trizzino, era insorta contro una memoria firmata dal ministero della Difesa (la titolare è la pentastellata Elisabetta Trenta) che, malgrado le battaglie dei grillini sul territorio, aveva difeso le ragioni del governo americano.

Trizzino era riuscito a ottenere la formale rinuncia alla difesa da parte del ministero, ma i 5 Stelle sono rimasti nel mirino di ambientalisti, No Muos e dei partiti di sinistra. In ogni caso, il Cga dice che il Muos, realizzato nella riserva della Sughereta di Niscemi, può continuare a operare.

14 gennaio 2019 – Aggiornato alle





SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml