Per due anni una madre ha fatto prostituire i tre figli di 3, 4 e 7 anni in un appartamento di un comune del Siracusano. Un incubo iniziato nel 2014 e finito nel 2016 quando i piccoli hanno cominciato a raccontare agli assistenti sociali cosa accadeva fra le mura domestiche.

Immediata è scattata la denuncia ai carabinieri del nucleo investigativo di Catania che nei giorni scorsi hanno arrestato la madre dei minori, una donna disoccupata di 43 anni, un carabiniere, Mario Schiavone di 41 anni, e il consuocero 46enne dell’arrestata. Per la madre l’accusa è induzione alla prostituzione minorile e maltrattamenti contro familiari, mentre per i  due uomini l’ipotesi di reato è violenza sessuale aggravata su minorenni con meno di 14 anni.

Le indagini sono scattate dopo la denuncia per maltrattamenti e violenze sessuali aggravate presentata dagli operatori di una comunità in cui erano state collocate le due sorelline mentre il terzo fratello era stato affidato ad una famiglia. Una volta fuori dal contesto familiare, in cui avevano vissuto in condizione di degrado e malnutrizione, secondo la ricostruzione dei sostituti procuratori di Catania che coordina l’indagine, i tre minori hanno rivelato gli abusi, autonomamente l’uno dall’altro e in contesti separati.

Dai riscontri investigativi è emerso come la madre facesse prostituire i tre figli ponendoli a disposizione degli arrestati in cambio di denaro: uno dei due arrestati era militare dell’Arma all’epoca in servizio presso la stazione del Comune di residenza della donna e delle vittime. Le violenze sessuali sarebbero avvenute nell’abitazione della donna e di un garage nella sua disponibilità, tra il 2014, epoca in cui le vittime avevano 3, 4 e 7 anni, e ottobre 2016, quando i minorenni sono stati sottratti alla potestà genitoriale della madre. Oggi nell’interrogatorio di garanzia i tre arrestati hanno negato ogni addebito. Il gip ha disposto per tutti la detenzione in carcere.
 


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml