ROMA. Favorire l’integrazione della popolazione immigrata con un occhio di riguardo alle fasce più vulnerabili e promuovendo attività di confronto fra società civile, istituzioni, autorità locali e cittadinanza: questo il fine degli Sportelli legali per immigrati e rifugiati di Roma e Terracina, sostenuti con i fondi Otto per Mille della Chiesa Valdese.

Il progetto SLIR è partito a maggio di quest’anno e in pochi mesi gli sportelli legali di Progetto Diritti hanno già ascoltato e assistito centinaia di persone, molte delle quali disorientate e spaventate dal rischio di perdere la propria condizione di regolarità nel soggiorno in Italia.

Il servizio legale – nato grazie all’impegno di alcuni giovani avvocati che credevano nei valori della solidarietà e della giustizia sociale – è stato tra i primi del genere ad essere avviato nella Capitale all’inizio degli anni Novanta. Più che semplici uffici informazioni, gli sportelli rappresentano dei punti di riferimento, luoghi dove i cittadini stranieri possono rivolgersi a operatori e avvocati per confrontarsi e ricevere consulenze e informazioni su diritti e doveri riconosciuti nel nostro Paese, e sui servizi e le iniziative di scambio e dialogo culturale.

L’associazione Progetto Diritti onlus è un luogo di iniziativa, ricerca e discussione intorno ai temi dei diritti degli individui e delle formazioni sociali, con particolare attenzione ai cittadini stranieri, ai minori, alle donne, ai detenuti e, in generale, a tutti i soggetti particolarmente vulnerabili, colpiti da discriminazioni e emarginazioni di tipo sociale ed economico.

All’inizio del 2008, l’organizzazione ha contribuito alla costituzione del “Comitato Singh Mohinder per la tutela dei migranti vittime del lavoro e di reati violenti e dei loro familiari” e nel 2009 all'”Associazione degli Imprenditori Stranieri in Italia”. Nel 2010, ha promosso la nascita dell'”Assemblea dei Lavoratori Africani di Rosarno” a Roma. Dal 2013 Progetto Diritti, insieme all’associazione Roma-Dakar, gestisce uno sportello legale a Dakar, Senegal, per fornire consulenza e assistenza legale ai cittadini di quest’area dell’Africa subsahariana che desiderano intraprendere progetti di migrazione regolare verso l’Europa. Nel 2014 l’associazione ha fondato, insieme ad Antigone e con il patrocinio dell’Università Roma Tre, la società polisportiva “Atletico Diritti”. Dal 2015 gli operatori e gli avvocati di Progetto Diritti collaborano con la cooperativa sociale Inopera prestando assistenza legale ai richiedenti asilo direttamente negli SPRAR.

L’organizzazione promuove la cultura della solidarietà e della cooperazione tra l’Italia e i Paesi svantaggiati e in via di sviluppo, con particolare attenzione a quelli di origine dei migranti.


“La Repubblica si batterà sempre in difesa della libertà di informazione, per i suoi lettori e per tutti coloro che hanno a cuore i principi della democrazia e della convivenza civile”

Carlo Verdelli
ABBONATI A REPUBBLICA


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/solidarieta/rss2.0.xml