GOOGLE dà avvio all’Electronic Entertainment Expo (E3) di Los Angeles. Lo fa alla sua maniera, con una diretta online su YouTube a pochi giorni dall’apertura della fiera, da sempre uno degli appuntamenti più presentando i primi dettagli del suo servizio streaming Stadia che, in uscita a fine anno, rischia di mandare in pensione le console così come le abbiamo conosciate fino ad ora. Phil Harrison, vecchia conoscenza del mondo dei videogame un tempo a capo degli studi di sviluppo di Sony e poi vice presidente di Microsoft, spiega di nuovo di cosa si tratta: “Un servizio che permetterà di giocare in alta risoluzione da quasiasi schermo, poco importa che sia una smart tv, un tablet, un pc o un smartphone Pixel”. Per per accedere basterà il joypad, la sottoscrizione al servizio e il browser Chrome.   

Fra la trentina di giochi che saranno disponibili al lancio, a novembre, c’è Baladur’s Gate 3, il nuovo Ghost Recon, The Division 2, Destiny 2, Assassin’s Creed Odyseey. Un po’ poco per far breccia, e il catalogo è il vero punto sul quale alla fine Stadia giocherà la vera partita. Ma i prezzi sono bassi, da streaming: 9,99 dollari per la versione pro in 4K e un’edizione speciale del controller con tre mesi di doppio abbonamento già preordinabile ora anche dall’Italia a 120 euro. Già, il nostro Paese è infatti fra quelli che avranno accesso al servizio fin dall’inizio. Non solo. Se non si vuole sottoscrivere un abbonamento, si potrà pagare solo per il videogame che si desidera giocare. Quanto basta per far sembrar vecchi tutti gli altri modelli di busienss. O forse, più semplicemente, l’entrata dei videogame nell’era dello streaming.


L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica




SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/tecnologia/rss2.0.xml