WASHINGTON – Capital One, una banca basata in Virginia con una popolare attività nel settore delle carte di credito, ha annunciato l’hackeraggio di circa 100 milioni di richieste per carte di credito. Gli investigatori ritengono inoltre che siano stati sottratti migliaia di account previdenziali (Social security) e bancari. L’Fbi ha arrestato una donna di Seattle, Paige A. Thompson, accusandola di frode informatica.

L’hackeraggio rivelato da Capital One sembra una delle violazioni più grandi ai danni di un servizio finanziario. Nel 2017 Equifax svelò di aver subito un furto di informazioni relative a 147 milioni di persone, patteggiando con le autorità Usa 700 milioni di dollari per l’incidente. Capital One prevede che il pirataggio costerà alla compagnia 100-150 milioni di dollari a breve termine. La società ha sottolineato comunque che non sono stati compromessi numeri di carte di credito o credenziali di accesso, e che la maggior parte dei numeri di social security non sono stati violati.


L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/tecnologia/rss2.0.xml