“Non bisogna più aver paura. Io non smetterò mai di ricordare che qui a terra la mattina del 9 agosto 2017 invece di Luigi e Aurelio poteva esserci chiunque. Finché continuiamo a nasconderci, a far finta di niente, ognuno di noi è potenzialmente in pericolo. Ormai è chiaro: la mafia non guarda in faccia a nessuno”.

Così Arcangela Luciani, vedova di Luigi, fratello di Aurelio – entrambi assassinati a San Marco in Lamis – li ricorda vittime innocenti della criminalità mafiosa, uccisi quel giorno assieme al boss Mario Luciano Romito e al cognato Matteo De Palma, vero obiettivo dei sicari. Il secondo anniversario è stato commemorato alla stele nella vecchia stazione, dove è avvenuta la strage. Alla cerimonia è intervenuto anche don Luigi Ciotti, il presidente di Libera.

Strage a San Marco in Lamis, il ricordo della vedova Luciani: "Non bisogna più avere paura"

Un altro momento della cerimonia sul luogo della strage

“Vorrei urlare ridatemi mio marito – ha aggiunto -. In questi due anni ho sentito dire più volte: lo Stato c’è. Ma vorremmo sentire dire: lo Stato ci sarà sempre”. Poi ha chiesto scusa, alle forze di polizia, “da parte di tutti i cittadini che non riescono a trovare ancora il coraggio di denunciare”.


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml

Caffeshop