Per tutto il giorno i treni che passeranno dalla stazione di Viareggio fischieranno. Stasera, poi,un lungo corteo silenzioso partirà dal palazzetto dello sport, attraverserà il centro storico e arriverà fino a via Ponchielli passando per la stazione e il cavalcavia. A dieci anni esatti dal disastro ferroviario Viareggio si ferma. Per ricordare le 32 persone che persero la vita quel 29 giugno 2009, quando il treno merci numero 50325, Trecate-Gricignano, sferragliando sulle rotaie deragliò, uno dei carri si forò e il gpl esplose incendiando e inghiottendo tutto. 

La commemorazione è iniziata in mattinata con una messa alla cappella del cimitero della Misericordia, a cui ha partecipato anche il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Danilo Toninelli. Al ministro Daniela Rombi, dell’associazione dei parenti delle vittime ‘Il mondo che vorrei’, ha consegnato una serie di faldoni contenenti le motivazioni della sentenza di primo grado come “manuale della buona gestione delle Ferrovie”. Toninelli, accompagnato da Rombi, ha visitato la cappella dove sono sepolte alcune delle vittime. E poco prima di iniziare la messa è stato fermato da una familiare di una delle vittime del crollo della torre dei piloti di Genova del 7 maggio 2013. Presente alla cerimonia anche Marco Piagentini, presidente dell’associazione ‘Il mondo che vorrei’.

in riproduzione….

“In cassazione le Ferrovie ci andranno perché devono aggrapparsi agli specchi. Mi auguro che anche i giudici di cassazione capiscano di cosa si parla: ovvero che è stato un incidente sul lavoro. I due macchinisti dopo l’incidente sono stati a casa sei mesi pagati dall’Inps. Questo è stato un incidente sul lavoro che purtroppo ha avuto la particolarità di coinvolgere anche persone che non c’entravano niente. Il gas è penetrato dappertutto ma l’incidente è avvenuto sui binari. Vadano pure in cassazione, vadano pure a Strasburgo, prima ci andremo noi”, ha ribadito Rombi. Nel pomeriggio è invece prevista la presenza del ministro della Giustizia Alfonso Bonafede alla riunione di tutti i comitati dei parenti delle vittime di stragi d’Italia: ci saranno rappresentanti dei familiari della tragedia di Rigopiano, quelli della Moby Prince e di altri lutti. In serata il corteo che attraverserà il centro storico, fino a via Ponchielli.

 


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml

Caffeshop