Torna il sole, ma non ovunque. “Nelle prossime – spiega il sito ilmeteo.it,  una circolazione instabile ad Ovest dell’Italia provocherà ancora molte piogge. Da Giovedì torna l’alta pressione al Centro-Sud e al Nordest, Piemonte, Liguria e parte della Lombardia ancora nel maltempo”. La pioggia continua dunque a cadere soprattutto nelle regioni settentrionali, ma non si escludono rovesci anche su quelle centro-meridionali. Temperature sostanzialmente stabili, con il clima che resterà mite e anomalo: massime a 22°C al Centro-Sud, e a 19/20°C al Nord. La situazione generale tenderà a migliorare dalla serata di domenica e a stabilizzarsi per alcuni giorni su un generale bel tempo, la cosiddetta Estate di San Martino.

Sono molto pesanti, intanto, i danni all’agricoltura che emergono dai primi rilievi regione per regione: per Coldiretti raffiche di vento, nubifragi, esondazioni, trombe d’aria e grandinate hanno colpito l’agricoltura e le foreste per un ammontare di circa un miliardo di euro. Nel giro di un decennio il rincorrersi di eventi estremi causati dai cambiamenti climatici è costato all’agricoltura oltre 14 miliardi di euro tra perdite della produzione agricola nazionale e danni alle strutture e alle infrastrutture nelle campagne.
 
Domani
Tempo instabile al Nord, specie sui settori occidentali e sull’alta Toscana, con temporali sparsi. Asciutto e soleggiato il resto d’Italia
 
Venerdì
Maltempo al Nordovest con piogge frequenti, localmente anche moderate. Qualche pioggia anche sulla Sardegna. Soleggiato altrove.
 
Sabato
Una veloce perturbazione sfiorerà l’Italia portando precipitazioni a carattere irregolare al Nordovest, sui monti del Triveneto, ma anche sulle coste di Toscana e Lazio, nonché sulla Sicilia, sia sui settori occidentali sia su quelli sud-orientali dell’Isola, fin verso il reggino. Prevalentemente soleggiato, invece, il resto d’Italia.
 
Domenica
Tornano foschia o nebbia sulla Pianura Padana, specie occidentale, in rapido dissolvimento con il passare delle ore. Qualche isolato rovescio sui monti del Nord, sulla Liguria, sulla Toscana e sul Lazio settentrionale. Sole nel resto d’Italia.


Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml