Uber vuole che tutte le auto che utilizzano la sua applicazione a Londra siano elettriche entro il 2025. Un’evoluzione che passerà da un leggero aumento delle tariffe pensato per aiutare i conducenti a cambiare il loro veicolo. La società americana ha annunciato questo obiettivo spiegando che mira a ridurre limitare l’inquinamento nella capitale britannica.

Uber introdurrà quindi da inizio 2019 una commissione di 15 pence (17 centesimi di euro) per miglio (1,6 chilometri) su ogni tragitto prenotato a Londra, per arrivare a raccogliere oltre 200 milioni di sterline da destinare al rinnovo dei mezzi. Un conducente che lavora 40 ore alla settimana, può dunque attendersi di ricevere tremila sterline in due anni.

La stessa società stima che 20mila dei suoi autisti londinesi – al momento sono 45mila in totale – passerà all’elettrico entro la fine del 2021. “Il sindaco di Londra ha una visione ambiziosa per quanto riguarda la riduzione dell’inquinamento atmosferico nella capitale e siamo determinati a fare tutto il possibile per sostenerla”, ha dichiarato il ceo Dara Khosrowshahi.

 


Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/tecnologia/rss2.0.xml