Prima uccide l’amico a coltellate, poi confessa su Facebook: “Voglio scusarmi, ho fatto una cazz… per amore”. Succede tra Borgo Ticino e Comignago, in provincia di Novara. Ieri sera la lite: poco dopo le 2, davanti al vecchio pub Aeroplano, ora chiuso. Alberto Pastore, 23 anni, era in auto con un amico, Yoan Leonardi, suo coetaneo. Hanno parlato, poi hanno litigato pesantemente. La situazione è degenerata, i due sono passati alle mani, Pastore ha tirato fuori un coltello e ha colpito il suo rivale in amore diverse volte. L’altro ragazzo si è accasciato a terra, in una pozza di sangue. Quando il 118 è arrivato il giovane era ancora vivo, ma non c’è stato nulla da fare.

L’assassino è fuggito in auto, ha imboccato l’autostrada A26. I carabinieri lo hanno intercettato, lui ha accelerato. L’inseguimento è finito con la vettura di Pastore che è finita fuoristrada. Il ventitrenne è stato fermato dai militari.

Uccide l'amico davanti al pub, poi confessa sui social network: "L'ho fatto per amore"

Alberto Pastore, l’assassino (foto da Facebook)

Nel frattempo, però, Pastore ha avuto modo di scrivere su Facebook: “Voglio scusarmi ho fatto una c… per amore, ho scoperto troppe cose dal mio migliore amico, non potevo continuare in questo modo, sono stato preso in giro… Nella mia vita ho commesso troppi errori e il mio errore più grande è questo…”. Nel post ringrazia i suoi familiari e alcuni amici, poi però precisa: “E’ stata colpa di Yoan Leonardi”. E ha avuto modo di filmarsi e postare su Instagram il video in cui dice più o meno le stesse cose.


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml

Caffeshop