FERRARA – Un punto di ripartenza, da tenersi comunque ben stretto ora in attesa di tempi migliori e magari di qualche rinforzo di spessore in attacco. E’ questo il valore dello 0-0 colto dall’Udinese nel confronto diretto con la Spal in chiave salvezza. E non lo nasconde Davide Nicola, l’allenatore chiamato al capezzale dei bianconeri friulani dopo l’esonero dello spagnolo Velazquez.

NICOLA: “STIAMO CRESCENDO GARA DOPO GARA” – “Stasera gli oltre mille tifosi nostri ci sono stati vicini, io sono venuto qui con la voglia di costruire assieme a loro – ha sottolineato il tecnico dei friulani alla tv ufficiale bianconera – Dalla Roma in poi siamo sempre riusciti a migliorare qualcosa di volta in volta. Stiamo mantenendo un’ottima organizzazione difensiva, sono contento perché vedo i ragazzi che si impegnano. Dobbiamo migliorare a livello mentale, possiamo fare di più e accadrà”.

“FARE QUADRATO PER BATTERE IL CAGLIARI” – Il discorso va poi alla sfida con il Cagliari di sabato alla Dacia Arena da affrontare senza lo squalificato De Paul. “Non complica i piani, ma è chiaro che vorremmo avere tutti a disposizione, siamo una squadra. Stasera Opoku si è visto che sta lavorando sodo, ha fatto una buona partita, sta migliorando tantissimo. Io guardo la voglia di essere uniti nella causa e questo mi soddisfa molto. Sono stato contentissimo, ho potuto anche impiegare Barak. Abbiamo bisogno di fare quadrato tra tutti: dobbiamo cercare la vittoria con il Cagliari”.


Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/sport/serie-b/rss2.0.xml