Una casa di riposo per anziani completamente abusiva: nessuna autorizzazione né amministrativa, né sanitaria, nessun medico, infermiere o paramedico tra il personale. A scoprirla sono stati i militari della guardia di finanza di Luino, coordinati dalla procura di Varese: la casa di cura e assistenza per anziani abusiva si trova in una villa sulle sponde del Lago Maggiore.

in riproduzione….

I finanzieri hanno scoperto la presenza di due lavoratrici in nero: un’operatrice socio-sanitaria, indagata come il gestore della struttura, e una badante ucraina, irregolare. Le due donne si occupavano della gestione degli anziani, in parte non autosufficienti, somministrando farmaci senza prescrizione medica.

Varese, scoperta una casa di riposo abusiva: nella villa non c'erano medici né infermieri

La villa dava ricovero ad una decina di anziani a fronte del pagamento di una retta mensile di 2mila euro. Dopo l’intervento delle fiamme gialle i degenti sono stati affidati ai parenti o collocati in idonee strutture socio-sanitarie. La villa non aveva neanche i requisiti strutturali per ospitare una casa di cura. Per effettuare i controlli i finanzieri si sono avvalsi di personale specializzato dell’Ats, Agenzia tutela salute, Insubria di Varese. L’immobile è stato sequestrato, insieme a un ingente quantitativo di farmaci, alcuni dei quali scaduti, e documentazione medica-contabile che sarà oggetto di ulteriori indagini.


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml