Di Natasha Chokobok non si avevano più notizie dal 9 aprile, quando la donna, una ucraina di 29 anni, era scomparsa dalla sua abitazione a Porto di Legnago, nel Veronese. Oggi il corpo della donna, madre di una bambina di 6 anni, è stato trovato sulle rive dell’Adige. Alle ricerche, durate alcuni giorni, avevano partecipato i Vigili del fuoco e i Carabinieri, che avevano scandagliato il fiume. Della scomparsa della donna si era occupata l’altra sera la trasmissione di Rai 3 “Chi l’ha visto?”.

Fin da subito la madre della 29enne ha lanciato sospetti e accuse sul compagno della figlia, un romeno di 35 anni, che il giorno dopo aveva presentato denuncia dai Carabinieri. Era stato proprio l’uomo, nel riferire della scomparsa, a sostenere che Natasha non era più rientrata a casa dopo essere uscita per buttare l’immondizia.

l corpo di Natasha Chokobok è stato avvistato dall’elicottero dei Vigili del fuoco di Padova, che stava sorvolando la zona dopo l’avvio del piano di ricerca persone scomparse deciso dalla prefettura di Verona. Dall’alto i pompieri hanno notato una macchia scura nei pressi della riva dell’Adige, in località Canova di Legnago. Sarà l’autopsia a chiarire le cause della morte della donna. I Carabinieri del Reparto operativo al momento non escludono nessuna pista. 


L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml