L’Autorità della concorrenza apre un nuovo provvedimento perché il sito di secondary ticketing non specifica in modo chiaro il valore originale dei biglietti e il posto a sedere. Possibile una multa tra 5mila euro e 5 milioni


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/economia/rss2.0.xml