ROMA – Paolo Pezzati, consulente politico di Oxfam Italia sulle emergenze umanitarie, commenta in modo positivo l’approvazione stamani alla Camera della mozione di maggioranza, che nella parte dispositiva impegna il Governo: “ad adottare gli atti necessari a sospendere le esportazioni di bombe d’aereo e missili che possono essere utilizzati per colpire la popolazione civile e loro componentistica verso l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti, sino a quando non vi saranno sviluppi concreti nel processo di pace con lo Yemen”. “La mozione di maggioranza, approvata, è comunque frutto di un accordo al ribasso. Sarebbe sicuramente stato più efficace estendere la sospensione all’export a tutto il materiale militare, senza circoscriverla a bombe d’aereo e missili – continua Pezzati – Non appare chiaro poi perché la sospensione sia rivolta solo ad Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti e non verso tutti paesi membri della coalizione saudita, ossia anche Bahrein, Egitto, Kuwait e Sudan”.

Assente una chiara richiesta di embargo europeo. Molti dubbi persistono anche rispetto al fatto che, nella mozione approvata stamani, non venga dato al Governo un chiaro mandato per esercitare un’azione incisiva per ottenere un embargo a livello europeo, ma ci si limiti a dare indicazione “a valutare l’avvio e la realizzazione di iniziative finalizzate alla futura adozione, da parte dell’Unione europea, di un embargo”.

Nessun aumento dei fondi per la risposta umanitaria. “Accogliamo sicuramente con soddisfazione che l’Italia continui l’azione umanitaria in Yemen, sotto il coordinamento delle Nazioni Unite – conclude Pezzati – ma ancora una volta non ci si è impegnati ad aumentare i fondi per la risposta umanitaria, come chiediamo da tempo. Al momento l’Italia, di fronte alla più grave emergenza al mondo, con oltre 22 milioni di persone allo stremo, contribuisce solo con 5 milioni di euro al Piano complessivo”.


L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/solidarieta/rss2.0.xml