Yemen, MSF: “Fatti passare per responsabili anziché vittime del bombardamento.”


Sconcerto di Medici Senza Frontiere per gli esiti dell’indagine sull’attacco con bombe della coalizione a guida saudita al Centro per il trattamento del colera ad Abs, avvenuto l’11 giugno dell’anno scorso

ROMA – L’organizzazione umanitaria Medici Senza Frontiere (MSF) in una nota diffusa oggi esprime “sconcerto” di fronte alle dichiarazioni della squadra incaricata dalla Coalizione guidata dall’Arabia Saudita e dagli Emirati (SELC) di indagare sul bombardamento del Centro di trattamento colera di MSF ad Abs, la città nella pianura costiera dell’omonimo distretto, nel governatorato di Hajjah, con una popolazione di circa 26.000 abitanti ed è la 24a città più grande dello Yemen, pesantemente colpita dalla guerra civile dello Yemen: l’11 giugno dell’anno scorso, una struttura per il trattamento del colera, gestita da Medici senza frontiere per contrastare l’epidemia di colera del Paese, è stata bombardata dalla coalizione guidata dai sauditi. Ora l’organizzazione Premio Nobel per la Pace chiede che i risultati dell’indagine vengano rivisti e che le false accuse contro MSF vengano ritirate. Nel corso di una conferenza stampa tenuta senza preavviso il 16 gennaio 2019, la piattaforma incaricata dalla SELC di investigare su questo genere di incidenti, la Joint Incidents Assessment Team (JIAT), ha fatto diverse dichiarazioni contraddittorie e inaccettabili, che dipingono MSF come responsabile, invece che vittima, del bombardamento.
 
L’ennesimo attacco all’azione medico-sanitaria. Sebbene il rapporto riconosca la SELC come parzialmente responsabile del bombardamento, fallisce nel fare piena luce – e nell’attribuire chiare responsabilità – sull’ennesimo attacco contro l’azione medico-umanitaria in Yemen. Al contrario, il rapporto cerca di allontanare la responsabilità dell’attacco dalla SELC, dichiarando che MSF non aveva preso le misure appropriate per prevenire il bombardamento. Per esempio, il rapporto afferma che MSF non aveva apposto emblemi distintivi sulla struttura e non aveva esplicitamente richiesto che fosse inserita in una lista di strutture da non bombardare. In realtà, nel compound in cui si trova il Centro di trattamento erano apposti tre loghi distintivi, e MSF aveva condiviso per iscritto la sua posizione almeno 12 volte con le autorità della Coalizione competenti.
 
Reso inagibile il Centro di trattamento. “Secondo il diritto internazionale umanitario – dice Teresa Sancristoval, direttore delle operazioni di MSF –  le strutture mediche sono strutture protette e per legge non possono essere colpite, anche se non sono contrassegnate come tali o se le loro posizioni geografiche non sono state condivise con le parti in guerra. È unicamente responsabilità delle parti armate di un conflitto prendere tutte le misure necessarie per garantire che le strutture protette non vengano attaccate. L’onere non può ricadere sui civili e sullo staff medico”, ha concluso Teresa Sancristoval. Sebbene nessun paziente e nessun membro dello staff sia stato ucciso nell’attacco, i danni arrecati al Centro di trattamento, che era stato costruito da poco, lo hanno reso inagibile e hanno reso impossibile ricevere pazienti. Nell’area MSF fornisce servizi medici a una popolazione di oltre un milione di persone.
 
Le strutture colpite 5 volte. Le strutture di MSF sono state colpite cinque volte da bombardamenti aerei della Coalizione da marzo 2015. In tutto lo Yemen, solo la metà delle strutture sanitarie è pienamente funzionante e più di 11 milioni di persone hanno bisogni umanitari acuti – secondo l’Ufficio delle Nazioni Unite per il Coordinamento degli Affari Umanitari. Con frequenti epidemie di colera e di altre malattie facilmente prevenibili, l’accesso alle strutture mediche di MSF è cruciale per tutta la popolazione civile.
 
Il più grande intervento di MSF nello Yemen. Quello in Yemen è il più grande intervento di MSF in una zona di conflitto. Sono più di 2.200 gli operatori umanitari di MSF nel paese, che lavorano in 12 ospedali e centri sanitari, e forniscono supporto in altri 20. In totale MSF è attiva in 11 governatorati: Abyan, Aden, Amran, Hajjah, Hodeidah, Ibb, Lahj, Saada, Sana’a, Shabwa e Taiz. Dal marzo 2015 all’ottobre 2018 MSF ha assistito nelle sue strutture o in quelle supportate 973.095 pazienti, ha effettuato 76.436 interventi chirurgici e ha fatto nascere 64.032 bambini.







SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/solidarieta/rss2.0.xml